martes, abril 23

Robert M. Solow, economista rivoluzionario e premio Nobel, muore a 99 anni

Robert M. Solow, che ha vinto un Nobel per le scienze economiche nel 1987 per la sua teoria secondo cui i progressi tecnologici, piuttosto che gli aumenti di capitale e lavoro, sono stati i principali motori della crescita economica negli Stati Uniti, è morto giovedì nella sua casa di Washington. Lexington, Massachusetts. Aveva 99 anni.

A confermare la morte è stato il figlio John.

Il professor Solow (pronunciato solo) ha insegnato al Massachusetts Institute of Technology, dove lui e un altro premio Nobel, Paul A. Samuelson, hanno forgiato lo stile di analisi economica del MIT, che è emerso come approccio leader nella seconda metà del 20° secolo e ha svolto un ruolo importante nella definizione delle politiche economiche.

Il suo lavoro ha dimostrato il potere di portare la matematica in relazione a importanti dibattiti economici e di semplificare l’analisi concentrandosi su un piccolo numero di variabili alla volta.

Al di là dell’impatto della sua ricerca, il professor Solow ha contribuito a lanciare le carriere di un numero sorprendente di futuri economisti superstar, tra cui quattro premi Nobel: Peter Diamond, Joseph E. Stiglitz, William D. Nordhaus e George A. Akerlof. “Il mio orgoglio e la mia gioia”, ha detto il professor Solow.

L’affetto è stato ricambiato. In un’intervista per questo necrologio nel 2013, Alan S. Blinder, professore di economia dell’Università di Princeton, ex vicepresidente del Consiglio della Federal Reserve e allievo di Solow, ha detto: “Tutti i suoi ex studenti lo idolatrano – tutti, senza eccezioni. «

Il professor Solow ha ricevuto la medaglia John Bates Clark nel 1961 come miglior economista americano sotto i 40 anni e la medaglia nazionale della scienza nel 1999; è stato uno dei pochi economisti a ricevere tale onore. Nel 2014, il presidente Barack Obama gli ha conferito la Medaglia Presidenziale della Libertà, la più alta onorificenza civile della nazione.

La ricerca del professor Solow sulla crescita economica divenne il modello attraverso il quale gli economisti, ben oltre i confini del MIT, iniziarono a esercitare la loro arte. Per un secolo o più essi semplicemente “sapevano” che la crescita del capitale e del lavoro determinava la crescita economica. Ma il professor Solow non è riuscito a trovare dati per confermare questa presunzione dettata dal buon senso.

Inoltre, le teorie accademiche sulla crescita economica che hanno preceduto i suoi scritti avevano la sconcertante implicazione che le economie capitaliste fossero sempre in bilico tra boom e fallimento. Ha osservato che “la storia del capitalismo non è stata così”.

Allora cosa ha spiegato la crescita? Imprenditori? Geografia? Istituzioni giuridiche? Qualcos’altro?

“Ho scoperto con mia grande sorpresa che la principale fonte di crescita non erano gli investimenti di capitale ma il cambiamento tecnologico”, ha detto il professor Solow in un’intervista del 2009, anche per questo necrologio. Nello specifico, stimava che il progresso tecnico rappresentasse un sorprendente 80% della crescita americana del XX secolo. In seguito ha indicato la Silicon Valley come convalida della sua teoria.

La strategia del professor Solow – la sua trovata, amava dire – era quella di scegliere una cosa di particolare interesse e semplificare il ruolo di tutto il resto. L’obiettivo era comprendere appieno il ruolo di un “piccolo pezzo del puzzle”. Questa strategia di indagine divenne nota come costruzione di “modelli giocattolo”.

Nell’analizzare la crescita economica, ha individuato il progresso tecnologico (la capacità della società di tradurre input di capitale e lavoro in output di beni e servizi) come indipendente dalle altre variabili chiave, tra cui la crescita della popolazione e i rendimenti del capitale.

Ha ideato un grafico con due curve. Uno ha catturato la sua ipotesi semplificatrice secondo cui la crescita della popolazione e la conoscenza tecnologica aumentano a un ritmo costante nel tempo. Il secondo ha catturato il suo importantissimo presupposto secondo cui l’impatto economico dell’aggiunta di sempre più capitale diventa sempre più debole. L’aggiunta di capitale a un’economia fa aumentare la produzione totale, ma ogni ulteriore quantità di capitale fa aumentare la produzione in misura inferiore rispetto alla quantità precedente.

Mettendo le due curve sullo stesso grafico emergerà una potente teoria della crescita. Il professor Solow ha dimostrato che maggiori risparmi e investimenti renderebbero effettivamente gli individui in media più ricchi: il livello di reddito pro capite aumenterebbe. Ma i risparmi e gli investimenti aggiuntivi non influenzerebbero il tasso di crescita a lungo termine dell’economia. L’impatto dei risparmi aggiuntivi sui tassi di crescita permanente si esaurisce in un modo che, secondo l’ipotesi del professor Solow, non si esaurisce con l’impatto della popolazione e della conoscenza tecnica.

Sono finiti 100 anni di dibattiti spesso infruttuosi e tortuosi. Il semplice grafico del professor Solow ha riorientato l’argomentazione, fornendo un percorso chiaro verso le affermazioni di causa-effetto sulla crescita passata e futura. Pubblicò il suo modello di crescita nel 1956. A quel punto aveva fornito una teoria elegante. Un anno dopo, ha presentato le prove.

Il modello di crescita di Solow, proposto nel suo libro “Un contributo alla teoria della crescita economica”, nel 1956, e il suo seguito empirico, “Il cambiamento tecnico e la funzione di produzione aggregata”, pubblicato nel 1957, gli fecero la reputazione mentre era poco più che trentenne e a tempo debito gli valse la Medaglia Clark e il Premio Nobel Memorial per le scienze economiche.

«È ancora la storia di base che la professione usa quando vuole parlare dei determinanti della crescita», ha detto il professor Solow nell’intervista del 2009, condotta presso la Russell Sage Foundation di Manhattan, dove ha trascorso diversi mesi ogni anno dopo essere andato in pensione. dal MIT nel 1995.

Ha rafforzato la sua visione di come gli economisti dovrebbero esercitare la loro arte riconfigurando l’importantissimo dottorato di ricerca. tesi. Ha aperto la strada alla presentazione da parte del Ph.D. candidati a tre saggi, ciascuno dei quali focalizza l’attenzione analitica su un problema economico distinto, invece di un unico volume allungato su centinaia di pagine.

La tesi in tre saggi si dimostrò presto la regola al MIT e in altri dipartimenti di laurea. In un’altra intervista per questo necrologio, nel 2013, il professor Solow ha sottolineato che voleva il suo dottorato di ricerca. consiglia di fare nelle loro tesi quello che farebbero come economisti moderni: “scrivere articoli, non tomi”.

Uno scrittore di talento, era famoso per la sua arguzia e il suo senso dell’umorismo dispettoso. Una volta, durante una conferenza a Chicago, si dibatté con Milton Friedman, il famoso economista conservatore le cui opinioni erano spesso opposte a quelle del professor Solow.

“Milton stava parlando del offerta di moneta”, ha ricordato nel 2009, “quindi quello che ho detto è che tutto ricorda a Milton l’offerta di moneta. Tutto mi ricorda il sesso, ma cerco di tenerlo fuori dai miei lavori scritti.

Ha preso di mira in modo retorico quelle che considerava insulse critiche all’economia accademica da parte di intellettuali pubblici. Invitando sempre gli economisti a fondare le loro proposte su prove concrete, ha insistito sul fatto che l’economia dovrebbe essere “una ricerca di verità verificabili, non un dibattito da liceo”.

A proposito di John Kenneth Galbraith, confidente del presidente John F. Kennedy e autore di un influente attacco del 1967 agli economisti tradizionali, “The New Industrial State”, il professor Solow ha scritto che il signor Galbraith “si mescola con la bella gente; per quanto ne so, potrebbe effettivamente essere lui stesso una bella persona. Ma il libro, ha detto, “è per la tavola, non per la scrivania”.

Ha definito “La crisi globale del capitalismo”, un libro del trader multimiliardario di hedge fund George Soros, “imbarazzantemente banale”, aggiungendo che contiene “tante clausole di salvaguardia quante sono le sue pretese”. Il problema, ha scritto il professor Solow, è che Soros “vuole essere un filosofo, anzi una sorta di re-filosofo” e che “sforzandosi, rivela una difficoltà fondamentale con il ruolo di re-filosofo. È troppo dannatamente difficile.

Robert Merton Solow è nato il 23 agosto 1924 a Brooklyn da Milton e Hannah (Sarney) Solow. Arrivò all’Università di Harvard con una borsa di studio all’età di 16 anni, incline a studiare botanica o biologia con l’obiettivo di un lavoro sicuro nel servizio forestale degli Stati Uniti. Ma nonostante avesse preso il massimo dei voti in biologia, si sentiva inetto.

«Potevo guardare al microscopio, ma non riuscivo a chiarire nella mia testa quello che stavo vedendo abbastanza per farne un disegno», ha ricordato nel 2009. «Semplicemente non sono bravo in questo.»

Passò a una specializzazione in scienze sociali, ma quando compì 18 anni all’inizio del suo ultimo anno, dopo lo scoppio della seconda guerra mondiale, si arruolò nell’esercito, iniziando tre anni in uniforme che «formò il mio carattere, » Egli ha detto. Prestò servizio in Nord Africa dopo la fine dei combattimenti, e fu schierato in Sicilia e nella penisola italiana, dove l’esercito attingeva alla sua conoscenza sia del codice tedesco che di quello Morse.

Aveva studiato la lingua mentre era in camera con un rifugiato tedesco durante il suo primo anno ad Harvard. Ha imparato il codice Morse come partecipante minimamente pagato in un programma finanziato dal governo, collegato al dipartimento di psicologia di Harvard, per trovare i modi migliori per insegnarlo.

«Ancora, quando cammino per strada, se guardo un cartello, lo dico a me stesso in codice Morse», ha detto nel 2009. «È solo un’abitudine che ho.»

Mentre aspettava di presentarsi per il servizio militare alla fine del 1942, incontrò Barbara Lewis, una studentessa di Radcliffe di Trenton, NJ, con la quale mantenne una corrispondenza durante la guerra. Si sposarono nell’agosto del 1945, appena una settimana dopo che la sua nave militare aveva attraccato a Norfolk, in Virginia.

Suo padre, ha detto, deve aver avuto dei dubbi su “questo ragazzo con cui era uscita forse sei volte, tre anni fa”.

Ritornato ad Harvard, si dedicò quasi casualmente alla disciplina in cui sarebbe diventato preminente su suggerimento della sua nuova moglie, una laureata in economia che divenne una nota storica economica. È morta nel 2014.

Oltre a suo figlio Giovanni, i suoi sopravvissuti includono un altro figlio, Andrea; una figlia, Katherine Solow; otto nipoti; e tre pronipoti.

Il professor Solow e sua moglie vissero a Concord, Massachusetts, mentre crescevano i loro figli, poi si trasferirono a Boston. Circa 15 anni fa si trasferirono in una comunità di pensionati a Lexington. Erano residenti estivi da molto tempo a Martha’s Vineyard.

Da giovane studioso, il professor Solow prestò servizio come assistente di ricerca di Wassily Leontief, aiutandolo a creare il primo modello input-output dell’economia americana, per il quale il professor Leontief vinse il Nobel nel 1973. (Un modello input-output è costituito da numeri inserito in righe e colonne che catturano quanta parte della produzione di un settore dell’economia viene utilizzata come input per la produzione di ciascuno degli altri settori dell’economia.) Il professor Solow ha poi trascorso un anno alla Columbia University prima di unirsi al MIT come professore assistente.

«Non ho mai avuto né desiderato nessun altro lavoro», scrisse al momento del Nobel, sottolineando lo stretto rapporto che aveva sviluppato con un altro dei giganti della professione.

«Mi fu assegnato l’ufficio accanto a quello di Paul Samuelson», raccontò nella pubblicazione Les Prix Nobel. “Così iniziarono quelli che ormai sono quasi 40 anni di conversazioni quasi quotidiane su economia, politica, i nostri figli, cavoli e re”.

Alla Russell Sage Foundation, il professor Solow, da tempo interessato agli effetti sociali dell’economia, ha supervisionato un importante progetto che studiava il lavoro a basso salario in cinque economie avanzate in Europa e negli Stati Uniti. Lo studio ha rilevato che questo tipo di lavoro era molto più diffuso negli Stati Uniti che negli altri paesi, e che le condizioni di vita dei lavoratori a basso salario erano migliori in Europa grazie ad una rete di sicurezza sociale più generosa, insieme a regole che prevedevano lavoratori con maggiore potere contrattuale.

Anche se incarichi scelti a Washington lo invitavano in diverse occasioni – prestò servizio per un breve periodo come membro dello staff del Consiglio dei consulenti economici del presidente durante l’amministrazione Kennedy – il cuore del professor Solow era sempre nel mondo accademico.

Una volta, invitato a una festa in ambasciata, al suo segretario fu chiesto il suo grado in modo che potesse sedere adeguatamente secondo il protocollo. «Digli», le disse, «che sono un professore ordinario di economia al MIT – e che non hanno nulla di così alto nel governo.»

Alex Traub ha contribuito alla segnalazione.